CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

sabato 5 marzo 2016

In occasione della Giornata all’Omofobia

Predicatore - Giorgio Rainelli
Sei pregato prima a leggere questo articolo: (Predicazione)
Dopo di che leggi qui sotto:
Ecco in che maniera costoro fanno dire a Dio che gli omosessuali erediteranno il regno di Dio, e quindi un Cristiano può diventare anche omosessuale, tanto alla fine Dio lo accoglierà nel Suo regno. Ma non è affatto così, perché la Scrittura dice che i sodomiti (o gli omosessuali) non erediteranno il Regno di Dio (1 Corinzi 6:10). Ricordo poi a questi cosiddetti Evangelici omosessuali che sempre Paolo ha detto nella lettera ai Romani: “Perciò Iddio li ha abbandonati a passioni infami: poiché le loro femmine hanno mutato l’uso naturale in quello che è contro natura; e similmente anche i maschi, lasciando l’uso naturale della donna, si sono infiammati nella loro libidine gli uni per gli altri, commettendo uomini con uomini cose turpi, e ricevendo in loro stessi la condegna mercede del proprio traviamento” (Romani 1:26-27). Se dunque Dio a costoro li ha abbandonati a passioni infami – e Paolo si riferisce agli omosessuali e alle lesbiche – è evidente che costoro non verranno ricevuti da Dio in gloria, ma se ne andranno all’inferno. D’altronde la Scrittura dice che senza la santificazione nessuno vedrà il Signore. Quindi, uomini e donne che seguite la vostra libidine andando contro natura, sappiate che se non vi ravvedete, e convertite dalle vostre opere malvagie, non vedrete affatto Dio, ma sperimenterete solo la sua ardente ira venendo precipitati nel fuoco dell’inferno quando morirete. Chi ha orecchi da udire, oda.
Giacinto Butindaro