CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

lunedì 2 gennaio 2017

Culto Evangelico presso la casa circondariale di Benevento

Presso il carcere una volta alla settimana attività di lode e preghiera di rito evangelico

disposizione degli Evangelici, una sala polifunzionale per svolgere almeno una volta alla settimana, attività di lode e preghiera di rito evangelico

Benevento

Dopo alcuni mesi di mancata attività evangelica nel carcere di Benevento, giovedì 1 dicembre, si è riattivato il culto Evangelico presso la casa circondariale sannita. L'incontro del ministro di Culto Evangelico Adì pastore C. Turco con la dottoressa Palma direttrice del carcere, ha determinato un'intesa di collaborazione tra gli Evangelici e la direzione.

La direzione della casa circondariale ha messo a disposizione degli Evangelici, una sala polifunzionale per svolgere almeno una volta alla settimana, attività di lode e preghiera di rito evangelico. La presenza di aderenti Evangelici nell'Istituto, per il momento non supera le quindici anime tra detenuti comuni, alta sicurezza e protetti.

Tre distinzioni di ristretti che a causa del divieto d'incontro tra loro, porteranno gli Evangelici a tenere tre riunioni distinte nella stessa struttura. Il pastore Turco che da anni svolge attività pastorale nelle carceri, si ritiene fiducioso dell'iniziativa. "Il mio ottimismo a riguardo, è generato dalla consapevolezza che questa è opera divina" afferma il pastore, aggiungendo: "non va sottovalutato La piena collaborazione della direzione dell'Istituto con i suo collaboratori, i quali credono e si adoperano in ogni modo è maniera per il reinserimento del detenuto. Certo, quando si scopre che cosa si è chiamati a fare, non resta che augurarsi di farlo appassionatamente".

Fonte: ottopagine.it