CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

domenica 8 gennaio 2017

Deponi il tuo peso

Leggi: Matteo 11:25-30 | La Bibbia in un anno: Genesi 20-22 Matteo 6:19-34

Venite a Me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e Io vi darò riposo.—Matteo 11:28

Un uomo stava guidando il suo fuoristrada su una strada di campagna quando vide una donna che portava una borsa molto pesante. Così si fermò e le offrì un passaggio. La donna, riconoscente per l’aiuto, salì sul fuoristrada con la sua borsa.

Un attimo dopo l’uomo notò una cosa strana: la donna stava ancora tenendo con forza la sua borsa nonostante fosse seduta nel veicolo! Stupito, l’uomo le disse: “Signora, la prego, metta giù quel peso e si riposi. Il mio fuoristrada può portare lei e anche il suo bagaglio. Si rilassi”.

Cosa facciamo con il bagaglio delle nostre paure, delle preoccupazioni e delle ansie che spesso ci portiamo dietro mentre affrontiamo le sfide della vita? Invece che risposare nel Signore, a volte mi comporto come quella donna. Gesù ci rivolge questo invito: “Venite a Me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e Io vi darò riposo” (Mat 11:28), eppure spesso mi ritrovo a portare i pesi che dovrei consegnare a Gesù.

Deponiamo i nostri pesi quando li portiamo a Gesù in preghiera. L’apostolo Pietro ci esorta: “[Gettate] su di Lui ogni vostra preoccupazione, perché Egli ha cura di voi” (1 Pietro 5:7). Poiché Dio ha cura di noi, possiamo riposare esercitandoci a fidarci di Lui. Invece che portare quel peso che ci opprime, possiamo consegnarlo al Signore e lasciare che Lui lo porti per noi.

Sono stanco, Signore. Oggi porto a Te i miei pesi. Ti prego, prendili e portali per me.

La preghiera è il luogo in cui i pesi passano da una schiena da un’altra.

Fonte: ilnostropanequotidiano.org