CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

sabato 25 febbraio 2017

FALSE DOTTRINE. “Profeti di menzogna”

Il periodo in cui il profeta Geremia fu spinto a scrivere questi versi segnava una delle pagine più buie della storia d’Israele, avendo il popolo voltato completamente le spalle alla Parola di Dio.

Questo quadro avvilente non poteva che rattristare il cuore dell’Eterno che si vedeva tradito proprio da quel popolo che Egli non aveva mai mancato di benedire e liberare dalle situazioni più difficili.

Pareva rimosso dalla loro mente e relegato in un lontano passato dai contorni mitici, il ricordo dei prodigiosi interventi a favore di quella nazione con la quale Dio aveva scelto di intrattenere un rapporto del tutto particolare.

Del resto, le cose non sono cambiate nei tempi in cui viviamo.

Il profeta, posto di fronte a questo scenario di corruzione, scrive al verso 9: “Il cuore mi si spezza in seno... a cagione dell’Eterno e a cagione delle sue parole sante”. La cosa che affliggeva maggiormente Geremia era il fatto che il popolo si era sviato soprattutto in seguito ai messaggi fasulli e alle indicazioni mendaci che indirizzavano loro i profeti e i sacerdoti del tempo.

Il profeta, sotto la guida dello Spirito Santo, pronuncia parole dure contro questi ministri fasulli. È bene notare che questi uomini, per quanto avessero rovesciato e contraffatto qualsiasi verità spirituale, ricoprivano i ruoli chiave nella conduzione della nazione, godendo di un indiscutibile seguito, senza che alcuno insorgesse per denunciare i loro misfatti e il traviamento di cui si erano resi protagonisti. Naturalmente il Signore, tramite Geremia, avvertiva il popolo esortandolo a non ascoltare le parole dei falsi profeti, proprio perché questi non avevano avuto nessun mandato da parte di Dio (v. 21).

Geremia evidenziava inoltre che la Parola di Dio non poteva essere interpretata mediante sogni o vedute personali poiché in tal caso non avrebbe portato alcun beneficio e tali vedute potevano essere motivo di sviamento.

Tutto ciò ci suggerisce di prestare ben attenzione nell’interpretazione della Parola di Dio per evitare che questa attività sia frutto unicamente dell’intelligenza umana, poiché una simile comprensione sarebbe ingannevole e deviante.

È importante quindi che il credente, in tempi come quelli in cui viviamo, proprio quando le dottrine bibliche vengono così facilmente confuse, alterate o travisate, si accerti che ogni cosa detta sia conforme alla semplice e pura Parola di Dio, poiché essa è immutabile, potente ed efficace solo se interpretata e spiegata sotto l’unzione e la guida dello Spirito Santo.

Fonte: Bussando al Cuore