CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

venerdì 17 marzo 2017

MONDO. Cristiano viene bruciato vivo da parte dello Stato islamico in Egitto

Padre e figlio sono stati bruciati vivi dopo che i Jihadisti hanno dichiarano che i cristiani sono la loro "preda preferita".

Arish, Egitto. - In meno di 48 ore dopo che il gruppo terroristico Stato Islamico ha lanciato un video in cui ha minacciato di attaccare i cristiani Copti, soprattutto, il governo egiziano ha confermato la morte di due persone nella penisola del Sinai.

Un cristiano egiziano è stato bruciato vivo da parte dello Stato islamico in Arish, nel nord-est. Nella stessa notte, il padre è stato ucciso. L'uomo che è stato bruciato vivo è stato chiamato Medhat Hana e aveva 45 anni.

Il padre, Saad, aveva 65 anni.
Le forze di sicurezza del paese hanno rivelato che i corpi sono stati trovati "dietro una scuola nel centro della città." In questi tre anni i cristiani sono stati uccisi in Arish da parte dello Stato Islamico.

Nel Territorio Lost in Iraq e Siria, lo Stato Islamico sembra di aver guadagnando forza nella zona territoriale Egiziana. Tre anni e mezzo fa, il gruppo terroristico fu già coinvolto in una guerra di guerriglia sanguinosa contro le forze armate d'Egitto. I suoi metodi di esecuzione mostrano la loro intenzione di mantenere la stessa crudeltà che hanno usato negli ultimi anni. Nel video pubblicato questa settimana dai Jihadisti, hanno sostenuto che i cristiani erano la "preda preferita" dello Stato Islamico.

Hanno anche avvertito che l'attacco a una chiesa al Cairo, in cui 27 persone sono morte era "solo l'inizio" della persecuzione contro gli "infedeli". Copti sono circa il 10% della popolazione d'Egitto e la più grande comunità cristiana in Medio Oriente, come riportato da ABC News.

Fonte: noticiacrstiana.com