CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

mercoledì 28 giugno 2017

EDIFICAZIONE. Preghiera delle cinque dita

Leggi: Giacomo 5:13-18 | La Bibbia in un anno: Giobbe 8-10 Atti 8:26-40

Pregate gli uni per gli altri.—Giacomo 5:16

La preghiera è conversazione con Dio, non una formula. Eppure a volte potrebbe essere utile usare un “metodo” per rinfrescare il nostro tempo di preghiera. Possiamo pregare i salmi o altre Scritture, oppure utilizzare questa scaletta: adorazione, confessione, ringraziamento e supplica.
Recentemente ho trovato questo promemoria per pregare in modo efficace per gli altri.
Si chiama “la preghiera delle cinque dita”:

• Quando chiudi la mano, il pollice è il dito più vicino a te. Inizia dunque a pregare per chi ti sta più vicino, i tuoi cari (Filippesi 1:3-5).

• L’indice è il dito che punta. Prega per coloro che insegnano: predicatori e insegnanti, ma anche coloro che insegnano ai bambini (1 Tess 5:25).

• Il medio è il dito più alto. Ricorda di pregare per chi è in autorità: governi locali e nazionali, e non dimenticare i tuoi capi al lavoro (1 Tim 2:1-2).

• L’anulare è il dito più debole. Prega per coloro che sono in difficoltà, per coloro che soffrono (Giacomo 5:13-16).

• Il mignolo è il dito più piccolo: ci ricorda che nella nostra piccolezza possiamo fare affidamento a un Dio grande. Chiedi a Lui di aiutarti nei tuoi bisogni (Fil 4:6, 19).

Qualunque sia il tuo metodo, parla con tuo Padre. Egli desidera ascoltare cosa c’è nel tuo cuore.

Padre, donami saggezza per sapere come pregare per gli altri. Non sono le nostre parole che contano; è la condizione del nostro cuore.

Fonte: ilnostropanequotidiano