CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

sabato 24 giugno 2017

EDIFICAZIONE. Suonare in concerto

Leggi: Romani 12:3-8 | La Bibbia in un anno: Ester 9-10 Atti 7:1-21

Così noi, che siamo molti, siamo un solo corpo in Cristo, e, individualmente, siamo membra l’uno dell’altro. [Abbiamo] pertanto doni differenti secondo la grazia che ci è stata concessa.—Romani 12:5-6

Durante il concerto della banda scolastica di nostra nipote, mi impressionò il modo in cui questo gruppo di ragazzini di 11 e 12 anni suonavano insieme. Se ciascuno di essi avesse voluto suonare da solista, non avrebbero mai ottenuto l’effetto raggiunto insieme. Gli strumenti a fiato, gli ottoni e le percussioni eseguivano ciascuno la propria parte, col risultato di creare una musica bellissima!

Ai discepoli di Roma, Paolo scrisse: “Così noi, che siamo molti, siamo un solo corpo in Cristo, e, individualmente, siamo membra l’uno dell’altro. [Abbiamo] pertanto doni differenti secondo la grazia che ci è stata concessa” (Romani 12:5-6). Tra i doni menzionati da Paolo c’è quello di profezia, di servizio, di insegnamento, di incoraggiamento, di donare, di conduzione e di misericordia (vv. 7-8). Ogni dono deve essere messo al servizio per il bene degli altri, liberamente (1 Cor 12:7).

Una definizione di “essere in concerto” è questa: “pianificazione di un accordo o di un progetto; armonia o concordia”. Questo è esattamente il piano del Signore per noi come Suoi figli, per mezzo della fede in Gesù Cristo. “Quanto all’amore fraterno, siate pieni di affetto gli uni per gli altri. Quanto all’onore, fate a gara nel rendervelo reciprocamente” (v. 10). Lo scopo è la cooperazione, non la competizione.

In un certo senso, siamo “sul palco” ogni giorno, di fronte a un mondo che ci guarda e ascolta, ogni giorno. Non ci sono solisti nella banda di Dio, ogni strumento è essenziale. La musica sarà splendida, se ognuno di noi suona la propria parte in accordo con gli altri.

Signore, Tu conduci le nostre vite. Desideriamo, oggi, suonare il Tuo canto d’amore e di grazia in concerto con gli altri Tuoi figli. Non ci sono solisti nell’orchestra di Dio.

Fonte: ilnostropanequotidiano