CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

mercoledì 29 novembre 2017

DONNA CRISTIANA. Ornamento interiore ed esteriore

Dio guarda il cuore

Difatti è Sua volontà che le donne abbiano un ornamento interiore, uno spirito dolce e pacifico restando sottomesse ai loro mariti. Non invece un ornamento esteriore che ne è contrapposto, fatto di gioielli belle vesti ecc, ma decoroso con pudore e modestia.

Per quanto riguarda l'ornamento interiore e non quello esteriore ciò è vero anche per l'uomo.

Di seguito una parte tratta da un sermone Valdese medievale

E ancora disse l'apostolo: 《è così voglio che facciano le donne nell'abito e nella veste ornata, adornandosi non d'oro né d'argento né di perle né di capelli posticci, ma di pudore e di misura secondo ciò che conviene alle donne che promettono fedeltà e buone opere a Dio》.

La donna non ha ornamento più bello che il pudore e la misura. E colei che perde e getta via questi ornamenti fa pensare che essa sia una cavalla del diavolo.

E San Pietro dice: 《Le donne siano sottomesse ai loro uomini con umiltà affinché, se alcuni non crederanno alla Parola di Dio, che si si convertano a vivere cristianamente grazie alla loro [delle donne] buona condotta e buone opere, vedendo la loro casta e onesta condotta nel timore di Dio. Nelle quali donne non vi sia abbondanza di capelli posticci ne ornamenti di vesti》.

Così si devono ornare le donne che sperano in Dio, poiché Cipriano disse: 《Le donne vestite di seta e di tessuti delicati e gentili non si possono vestire di Cristo. Coloro che sono vestite d'oro e d'argento e di pietre [preziose] hanno perduto l'ornamento dell'anima, cioè fede, speranza e carità. E nessuno dica: 《È così l'usanza》, poiché sant'Agostino dice: 《Dopo che la verità è manifestata e conosciuta, l'usanza si deve rimuovere e levare. Cristo non disse: "Io sono usanza", ma disse: "Io sono verità", poiché la verità e la ragione rimuove e getta via ogni usanza》.

Cipriano dice: 《Si può perdonare a coloro che peccano e sbagliano semplicemente per ignoranza, secondo ciò che san Paolo dice a proposito di sé stesso quando dice: "Io fui inizialmente blasfemo e persecutore e ingiurioso verso Dio, ma ho ricevuto perdono e misericordia, poiché lo feci per ignoranza".

Ma colui che persevera nel peccato che ha commesso, dopo che ha conosciuto il peccato tramite ispirazione o tramite voce umana o tramite qualsivoglia modo, egli non pecca per ignoranza》 e non merita perdono né misericordia, ma è in dannazione di volontaria diabolica malvagità eccetera.

Fonte: evangelodelregno