CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

martedì 30 gennaio 2018

EDIFICAZIONE. Come un piccolo bambino

Leggi: Matteo 18:1-5; 19:13-14 | La Bibbia in un anno: Esodo 21-22 Matteo 19
Se non cambiate e non diventate come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli.—Matteo 18:3
Una sera di molti anni fa, dopo aver detto la preghiera della buonanotte con nostra figlia di due anni, mia moglie fu sorpresa da una sua domanda. “Mamy, dov’è Gesù?”
Luann rispose: “Gesù è in cielo ma è anche vicino a noi; è ovunque. E può essere anche nel tuo cuore se tu gli chiedi di entrarci”.


“Sì, io voglio che Gesù entri nel mio cuore”.

“Allora uno di questi giorni potrai chiederglielo”.

“No, io voglio che entri nel mio cuore adesso”.

Così la nostra piccola disse: “Gesù, per favore entra nel mio cuore e resta con me”. E quella preghiera fu l’inizio del suo percorso di fede con Dio.

Quando i discepoli di Gesù gli chiesero chi fosse il maggiore nel regno dei cieli, Egli chiamò un piccolo bambino perché li raggiungesse (Matteo 18:1-2). “Se non cambiate e non diventate come i bambini,” disse Gesù, “non entrerete nel regno dei cieli . . . E chiunque riceve un bambino come questo nel nome mio, riceve Me” (vv. 3-5).

Agli occhi di Gesù, un bambino che si fida è un vero esempio di fede. E noi siamo chiamati ad accogliere chiunque apra il suo cuore a Lui. “Lasciate i bambini, non impedite che vengano da Me,” disse ancora Gesù, “perché il regno dei cieli è per chi assomiglia a loro” (19:14).

Signore Gesù, grazie perché ci hai chiamati a seguire Te con la fede semplice di un bambino. La nostra fede in Gesù deve somigliare a quella di un bambino che si fida.

Fonte: ilnostropanequotidiano