CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

mercoledì 26 settembre 2018

STUDIO BIBLICO. La croce sacrificale di Cristo è il segreto della sopravvivenza del cristianesimo durante i secoli

2 Corinzi Cap.6
10 contristati, eppur sempre allegri; poveri, eppure arricchenti molti; non avendo nulla, eppur possedenti ogni cosa!"
Nelle nostre aree private possiamo essere frugali quanto vogliamo, ma non dobbiamo cercare di essere parsimoniosi nel servizio al Signore, perché questo atteggiamento gli toglierebbe l'opportunità di operare miracoli per le moltitudini. I nostri tentativi di essere frugali frustrerebbero i suoi scopi e impoverirebbero la nostra stessa vita.
Siamo ben al di sotto del livello richiesto a un lavoratore cristiano se siamo in grado di mettere in atto la fede solo per avere risposta alle nostre necessità personali e non aiutiamo gli altri nel bisogno. Come servi del Signore possiamo pensare che, come i Leviti, abbiamo il diritto di aspettarci che il popolo di Dio ci offra la decima. Ciò che siamo portati a dimenticare, però, è che i Leviti, avevano pure l'obbligo di offrire la loro decima. Ogni cristiano, al di là delle sue possibilità, dovrebbe sempre essere un donatore. Ricevere soltanto, senza dare, significa aprire le porte alla stagnazione spirituale.

Matteo Cap.6
32,Poiché sono i pagani che ricercano tutte queste cose; e il Padre vostro celeste sa che avete bisogno di tutte queste cose.

A volte sono un termometro... con tutti i bisogni che vedo intorno, mi rattristo.Tuttavia, dovremmo essere dei termostati e non termometri, perché un termostato riconosce il freddo e ripristina immediatamente il calore mancante rimettendo la stanza in contatto con il riscaldamento. Ecco che cosa dovremmo fare.

Disse il pettirosso al passero: Vorrei davvero sapere perché questi ansiosi esseri umani corrono così tanto e si preoccupano.

Rispose il passero al pettirosso: Amico, penso che sia perché non hanno un Padre Celeste come colui che ha cura di te e me.
Elizabeth Cheney

Efesini Cap.2
13 Ma ora, in Cristo Gesù, voi che già eravate lontani, siete stati avvicinati mediante il sangue di Cristo. 14, Poiché è lui che è la nostra pace; lui che dei due popoli ne ha fatto un solo ed ha abbattuto il muro di separazione 15 con l’abolire nella sua carne la causa dell’inimicizia, la legge fatta di comandamenti in forma di precetti, affin di creare in se stesso dei due un solo uomo nuovo, facendo la pace ; 16 ed affin di riconciliarli ambedue in un corpo unico con Dio, mediante la sua croce, sulla quale fece morire l’inimicizia loro.

Concentrarsi sulla croce
L’evento della morte di Gesù Cristo sta al centro del cristianesimo. La croce sacrificale di Cristo è il segreto della sopravvivenza del cristianesimo durante i secoli, e la speranza della sua vittoria nei tempi a venire.

La croce è più di un esempio. È più di un programma etico. È la potente opera della giustizia e dell’amore di Dio. Dio dice al mondo: “Ti amo. Sono disposto a perdonare i tuoi peccati”. Dio dice a coloro che sono pieni di sensi di colpa: “I tuoi peccati sono perdonati per via della croce.” Dio dice a coloro che sono soli: “Guarda, io sono con te fino alla fine dei tempi (Matteo 28:20). Ogni persona che legge queste parole è colpevole di peccato, e non c’è modo di rimuovere la macchia di colpa se non per il sacrificio di Cristo.

Nell’Abbazia di Westminster c’è una pietra memoriale eretta dal governo britannico in memoria di John Andre, con cui Benedict Arnold aveva negoziato la resa della fortezza di West Point, e che fu poi impiccato come spia il 2 ottobre 1780. Fu una situazione in cui l’uomo che doveva essere impiccato scappò, e quello che fu catturato in una serie di strane circostanze fu invece impiccato.
Andre aveva una ventina d’anni. Era uno scrittore dotato. Poco prima della sua esecuzione, scrisse un poema intitolato: “Salute, Amore Sovrano” in cui la grande verità dell’espiazione, la sostituzione di Cristo al peccatore, è stata raccontata superbamente. In questo poema descrive come la sua anima era un tempo troppo orgogliosa per cercare Cristo. Però, venne un momento quando Andre fu condannato per il suo peccato, e andò alla croce dove trovò una pace gloriosa e meravigliosa.

Ho letto tempo fa di un ecclesiastico che stava celebrando la comunione. Poiché non credeva più alla morte sostitutiva di Cristo sulla croce per i nostri peccati e distribuiva fiori alla congregazione invece del pane e del vino.

L’idea dell’espiazione gli ripugnava, e quindi sostituiva con fiori. Ma non c’è sostituto per Cristo e per la sua crocifissione, nessun sostituto per la croce insanguinata.

Bibbia e Meditazioni | EDAP