CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

giovedì 11 ottobre 2018

CONSOLAZIONI. Ansiosi di niente

Cantico de’ Cantici Cap.1
4 Attirami a te! Noi ti correremo dietro! Il re m’ha condotta ne’ suoi appartamenti; noi gioiremo, ci rallegreremo a motivo di te; noi celebreremo le tue carezze più del vino! A ragione sei amato!"
Sarebbe meglio tradurre l'ultima frase con le parole: Nella integrità ti amano cioè, Ti amano senza contaminazione.
Paolo scrisse a Timoteo parlando di amore che viene da un cuore puro, da una buona coscienza e da una fede sincera e poi concluse il passo ricordando che il Signore Gesù è un Re eterno (1 Timoteo 1:5 e 17). Questo è il punto. Il Re ci ha portato a far comunione con lui e da questo fatto sgorga un amore nuovo e soddisfacente.

C'è un momento in cui non possiamo fare a meno di riconoscere Cristo come 1'amato sposo delle nostre anime, se prima gli porgiamo omaggio come nostro Re. Il peccatore giustificato a ragione ama il suo Salvatore pieno di grazia. Poi, mentre va avanti nel cammino sempre più intimo con lui, scopre che ciò che dà una qualità non contaminata alla sua devozione e al suo amore, è la sua sottomissione totale al governo di Gesù suo Signore e sovrano; impara, cioè, ad amare nella integrità.

Filippesi Cap.4
13,Io posso ogni cosa in Colui che mi fortifica.

L'autosufficienza di Dio è la cosa maggiore. Le tue debolezze sono la cosa minore. Cerca il maggiore e non il minore. Le tue capacità non sono coinvolte. La sufficienza di Dio e le tue debolezze devono trovare un punto di incontro.

Filippesi Cap.4
6, Il Signore è vicino. Non siate con ansietà solleciti di cosa alcuna; ma in ogni cosa siano le vostre richieste rese note a Dio in preghiera e supplicazione con azioni di grazie. 7 E la pace di Dio che sopravanza ogni intelligenza, guarderà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù.

Ansiosi di niente
Felice è la persona che ha imparato il segreto di andare a Dio in preghiera ogni giorno. Quindici minuti soli con Dio ogni mattina prima di cominciare la giornata possono cambiare il nostro stato d’animo e ricaricare le nostre batterie.

Ma tutta questa felicità e tutti questi benefici illimitati che affluiscono dai magazzini del cielo sono contingenti alla relazione con Dio. Le condizioni per essere figli di Dio sono assoluta dipendenza e totale abbandono. Soltanto i suoi figli possono ricevere quelle cose che portano alla felicità; e per essere suoi figli, dobbiamo arrenderci alla sua volontà.

Dobbiamo ammettere di essere poveri, prima di essere fatti ricchi. Dobbiamo ammettere di essere abbandonati, prima di diventare figli per adozione.

Quando ci rendiamo conto che tutti i nostri beni sono spazzatura agli occhi di Dio e diventiamo coscienti del potere distruttivo della nostra volontà ostinata, quando scopriamo la nostra dipendenza assoluta dalla grazia di Dio tramite la fede e nient’altro, allora abbiamo cominciato a camminare sulla strada per la felicità.

Non veniamo a Dio per mezzo delle opere, veniamo a lui per fede mediante la grazia. Non possiamo fabbricarci la destra via verso la felicità e il cielo; non possiamo rendere morale il nostro cammino, non possiamo riformare la nostra strada, non possiamo comprarla. La salvezza viene come un dono di Dio per mezzo di Cristo.

Bibbia e Meditazioni | EDAP