CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

venerdì 23 novembre 2018

EDIFICAZIONE. A proposito di morte

Giovanni Cap.12
27 Ora è turbata l’anima mia; e che dirò? Padre, salvami da quest’ora! Ma è per questo che son venuto incontro a quest’ora.
Le preghiere del nostro Signore erano sempre preghiere perfette. Entrando a Gerusalemme e dovendo affrontare la croce, il Signore si fermò per farsi questa domanda: Che dirò? Gesù non aveva timore della morte, però, contemporaneamente, aveva i suoi sentimenti;

analizzò il problema con attenzione e pensò:
Dirò, Padre, salvami da quest'ora? No! Non poteva fare quella preghiera, perché sapeva lo scopo per il quale era arrivato a quell' ora; per questo pregò così: Padre, glorifica il tuo nome! Quella preghiera ebbe risposta immediata. Se il nostro Signore, come Uomo sulla terra e in possesso della chiave della preghiera, dovette mettere da parte la sua volontà con tanta determinazione e cercare la volontà di Dio, come osiamo noi, sotto l'impulso del momento, aprire le labbra per pronunciare
parole in libertà, quando preghiamo Dio? Chiediamoci: Che dirò? e poi rispondiamo a quella domanda in modo coerente alla risposta che diede Gesù. In questo modo dimostreremo e sperimenteremo la perfetta volontà di Dio.

1 Giovanni Cap.1
9 Se confessiamo i nostri peccati, Egli è fedele e giusto da rimetterci i peccati e purificarci da ogni iniquità.

Quando il sacrificio di Cristo copre i nostri peccati? Quando li confessiamo.

Ebrei Cap.13
14 Poiché non abbiamo qui una città stabile, ma cerchiamo quella futura.

A proposito di morte
La morte sarà alla fine abolita. Il potere della morte è stato spezzato e la paura della morte rimossa. Ora possiamo dire con il Salmista: “Quand'anche camminassi nella valle dell’ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone e la tua verga mi danno sicurezza” (Salmo 23:4).

Paolo pregustava la morte con grande anticipazione come risultato della risurrezione di Cristo. Ha detto: “Per me vivere è Cristo e morire guadagno” (Filippesi 1:2). Come ha detto Velma Barfield nel braccio della morte nella Carolina del Nord: “Lo amo così tanto che non vedo l’ora di vederlo”.
Senza la risurrezione di Cristo non ci sarebbe speranza per il futuro. La Bibbia promette che un giorno noi saremo faccia a faccia con il Cristo risorto, e avremo un corpo come il suo.
Faccia a faccia con Cristo mio Salvatore,
Faccia a faccia, come sarà?
Quando, con estasi, lo guarderò,
Gesù Cristo che morì per me?
Faccia a faccia lo guarderò,
Molto oltre il cielo stellato;
Faccia a faccia in tutta la sua gloria
Lo vedrò da vicino.
(Carrie E. Breck)

Bibbia e Meditazioni | EDAP