CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

mercoledì 7 novembre 2018

MEDITAZIONE. la speranza del futuro cristiano

2 Samuele Cap.6
14 E Davide danzava a tutta forza davanti all’Eterno, e s’era cinto di un efod di lino. 
Mical, la figlia di Saul, vide il marito che danzava davanti all'arca di Dio e lo disprezzò in cuor suo. Secondo lei, Davide avrebbe dovuto mantenere la sua dignità di re, proprio come aveva cercato di fare suo padre. Ma Davide vedeva le cose in modo diverso. Alla presenza di Dio vide sé stesso come un nulla, un essere senza valore, senza alcun titolo speciale. Anche se seduto sul trono, era re di Israele, davanti all'arca di Dio era allo stesso livello dei suoi sudditi.
Anche dopo che Dio lo aveva rifiutato, il Re Saul aveva cercato di salvare la faccia chiedendo a Samuele il profeta di onorarlo davanti alla nazione. Ora Mical stava facendo lo stesso errore. Poiché era nata nel palazzo, pensava che Davide meritasse la dignità di re alla presenza di Dio. Forse, come suo padre, anche lei aveva la sua maestà a cui pensare. Quella via porta infruttuosità. Colui che detiene la vera autorità è diverso; non penserà di essere in una posizione alta e non cercherà di conservare a tutti i costi la sua posizione, ma sarà mite e umile davanti a Dio, un modello per il suo popolo.

Romani Cap.8
22,Poiché sappiamo che fino ad ora tutta la creazione geme insieme ed è in travaglio;

Milioni irrequieti attendono la venuta del Signore che renderà nuova ogni cosa.
Cristo stesso attende. Ma gli uomini sono lenti e pochi. Abbiamo fatto tutto il possibile? Io ho fatto tutto il possibile? E tu?

Tito Cap.3
7 affinché, giustificati per la sua grazia, noi fossimo fatti eredi secondo la speranza della vita eterna. 
La grazia di Dio

La sua gloriosa apparizione è più di un avvenimento del passato, è la speranza del futuro cristiano. Il cuore di ogni figlio di Dio batte forte nella speranza gloriosa del ritorno di Cristo.
Questa speranza è uno stimolo per una vita e una condotta corretta e rende Cristo più di una figura storica; è la speranza che gli dà il respiro vivente della realtà. L’aspettativa del suo ritorno fa di Cristo un essere vivente e vibrante che anche ora si prepara come uno sposo che deve incontrare la sua sposa, la chiesa.
La motivazione della grazia è l’infinito, compassionevole amore di un Dio misericordioso, ma l’opera della grazia fu la morte di Cristo sulla croce.

A meno che non vediamo la grazia di Dio attraverso la sofferenza del Signore Gesù Cristo sulla croce, non possiamo comprendere il suo vero significato e logica. Quando vedo Cristo appeso là, i chiodi nelle sue mani, la corona di spine sulla sua fronte, il sangue sparso per i nostri peccati, vedo l’immagine della grazia di Dio verso gli uomini. Allora capisco che gli uomini non possono
fabbricarsi la strada verso il cielo, e che niente può eguagliare l’infinito amore di Dio per i peccatori.

Solo se ci inchiniamo mortificati, in confessione, e pentiti ai piedi della croce, possiamo trovare perdono. Lì è la grazia di Dio! Noi non la meritiamo! Qualcuno ha detto tempo fa: “Quando sarò davanti al giudizio di Dio, tutto quello che chiederà è giustizia”.
Miei cari amici, se avrete giustizia, sarete condannati. Voi non volete giustizia. Ciò che volete è misericordia: la misericordia di Dio, la grazia di Dio come era in Gesù Cristo che è morto per noi e risorto.

Bibbia e Meditazioni | EDAP