CHI SIAMO: EDAP è un Sito/Blog il quale scopo, principalmente, è quello di raggiungere gli Italiani che vivono all'estero, per qualunque necessità essa sia, lavoro ed altro. Questo Sito è nato per dare un appoggio e un conforto morale e spirituale a tutti quelli che credono in Gesù. Visto che la necessità più grande che si è potuta verificare nel corso dei tempi, in tutta l'umanità, è stata la solitudine. Dio vi benedica a tutti quelli che entrano in questo portale Web. | Clicca qui |

giovedì 17 settembre 2020

PUNTI BIBLICI. “Come la cerva agogna i rivi delle acque, così l’anima mia agogna te, o Dio.

Come la cerva agogna i rivi delle acque, così l’anima mia agogna te, o Dio. 

L’anima mia è assetata di Dio, dell’Iddio vivente: Quando verrò e comparirò al cospetto di Dio? – Le mie lacrime son diventate il mio cibo giorno e notte, da che mi van dicendo del continuo: Dov’è il tuo Dio? – Non posso non ricordar, con profonda commozione il tempo in cui procedevo con la folla e la guidavo alla casa di Dio, tra i canti di giubilo e di lode d’una moltitudine in festa. – Perché t’abbatti anima mia? Perché ti commuovi in me? Spera in Dio, perch’io lo celebrerò ancora; – Egli è la mia salvezza e il mio Dio. – L’anima mia è abbattuta in me; perciò io ripenso a Te dal paese del Giordano, dai monti dell’Hermon, dal monte Mitsar. – Un abisso chiama un altro abisso al rumore delle tue cascate; tutte le tue onde ed i tuoi flutti mi son passati addosso. – L’Eterno, di giorno, mandava la sua benignità, e la notte erano meco i suoi cantici, la preghiera all’Iddio della mia vita. – Io dirò a Dio, ch’è la mia rocca: Perché mi hai dimenticato? Perché vo io vestito a bruno per l’oppressione del nemico? – Trafiggendomi le ossa, i miei nemici mi fanno onta dicendomi continuamente: Dov’è il tuo Dio? – Perché t’abbatti anima mia? perché ti commuovi in me? Spera in Dio, perché lo celebrerò ancora; Egli è la mia salvezza e il mio Dio”. – Salmo 42

sabato 5 settembre 2020

DONNA CRISTIANA. Una moglie eccellente - 1Pietro 3:1-6

Per noi che siamo veramente figli di Dio, è importantissimo ricordare che essendo stati salvati dalla condanna eterna, non apparteniamo più a questo mondo. Siamo cittadini del cielo, in un cammino verso la nostra dimora eterna nella presenza di Dio. È importante che camminiamo in modo degno della nostra vocazione, perché senza la santificazione, nessuno vedrà il Signore.

venerdì 21 agosto 2020

INSEGNAMENTI. La preghiera: una potente arma segreta, Enzo Petrilli

Molti cristiani dimenticano che hanno un solo nemico in comune Satana. Ed al posto di combattere lui combattiamo tra di noi.
Lui ha raggiunto lo scopo che voleva dividere la chiesa. Se prendessimo più tempo in preghiera e meno in parole saremmo vittoriosi. Quando spendiamo tempo nell'intercessione riusciamo a capire le sue trame e strategie.

venerdì 14 agosto 2020

INSEGNAMENTI. Una moglie eccellente - 1Pietro 3:1-6

Per noi che siamo veramente figli di Dio, è importantissimo ricordare che essendo stati salvati dalla condanna eterna, non apparteniamo più a questo mondo. Siamo cittadini del cielo, in un cammino verso la nostra dimora eterna nella presenza di Dio.

domenica 28 giugno 2020

TESTIMONIANZE. Un'esperienza che arricchì non poco il mio bagaglio spirituale

LINA
Nel settembre del 1996 fui ricoverata nel reparto di neurochirurgia dell'ospedale Cardarelli per essere sottoposta al duplice intervento di tunnel carpale e trasposizione dell'ulnare. Fin dal primo giorno della mia degenza ebbi opportunità di avvicinarmi alle  pazienti della camera porgendo loro parole di conforto ed esortandole ad aprire il cuore al Signore confidando nella sua infinita misericordia, sia per la loro infermità, sia per la loro vita.

martedì 16 giugno 2020

SOTTOMISSIONE. L'importanza della sottomissione

CRISTOprima l’ubbidienza poi la croce (simbolo di ubbidienza) e così il trono.
Filippesi 2
7 ma annichilì se stesso, prendendo forma di servo e divenendo simile agli uomini; 8 ed essendo trovato nell'esteriore come un uomo, abbassò se stesso, facendosi ubbidiente fino alla morte, e alla morte della croce.

L’UOMOprima l’ubbidienza a Cristo poi la croce come (figura di abnegazione) e cosi la vita.

LA DONNAprima l’ubbidienza poi il velo come (simbolo di sottomissione) e così la vita.
È significativo che Paolo non chiese alle donne ebree e romane di togliere il velo, ma ribadì con la sua scelta il principio di autorità che il velo simboleggiava.

PUNTI BIBLICI. GEREMIA: PROFETA “SQUILIBRATO”? UN VERO PROFETA DI DIO È “EQUILIBRATO”?

E che significa essere equilibrati? Dobbiamo compiacere Dio o gli uomini?
Il ministero profetico (come tutti gli altri ministeri e doni dello S.S.) non è cessato e le sue caratteristiche non sono cambiate.?
Volendo riassumere Geremia 20:7-11 (che vi invito a leggere) il profeta è come se dicesse: “Signore, non mi hai mai permesso di dire una parola gentile a queste persone.
È sempre un giudizio, un giudizio… e loro mi sbeffeggiano e mi perseguitano… sono il loro zimbello…